Museo di Apollonia

Museo di Apollonia

Il Museo di Apollonia è un museo archeologico in Albania, situato a circa 12 km a ovest di Fier, fondato nel 1958.

Il museo ha 7 padiglioni, una galleria e due portici, dove sono esposti diversi oggetti che testimoniano la storia della città di Apollonia.

Il grosso della collezione è ospitato in 6 sale al piano terra a nord e a ovest del complesso.

Un’imponente collezione di statue si trova in un portico sul lato est e nell’edificio rimangono numerosi affreschi e mosaici storicamente importanti di epoca medievale.

Il Museo di Apollonia, un parco di rovine greche e romane è rientrato nella lista dei candidati per entrare nei luoghi Patrimonio dell’UNESCO.

La città di Apollonia aveva un muro lungo 4 km che copriva un’area di 137 ettari e tra i monumenti più interessanti ci sono:

  • l’edificio del consiglio comunale
  • la biblioteca
  • l’arco di trionfo 
  • il tempio di Artemide

Durante una viaggio in Albania, la città di Apollonia nella prefettura di Fier merita assolutamente una visita.

 

La città di Apollonia

Apollonia è un’antica città nell’Illiria e le sue rovine sono situate a 12 chilometri dalla città di Fier, vicino al villaggio di Pojan.

Apollonia fu fondata nel 588 A.C., in una località occupata da tribù illiriche e che fiorì durante il periodo romano, diventando sede di una rinomata scuola di filosofia.

Cicerone, il famoso oratore romano, rimase affascinato dalla bellezza della città, definendola ‘’magna urbs et gravis’’, ovvero città grande e importante. 

Gli scavi archeologici hanno dimostrato una fiorente cultura, che disponeva anche della propria zecca per la produzione delle monete.

 

Scavi e monumenti del Museo di Apollonia

I primi tentativi di condurre scavi furono effettuati durante la prima guerra mondiale, da archeologi austriaci che esplorarono principalmente le mura che circondavano la città.

Scavi sistematici iniziarono nel 1824 da una missione archeologica francese, che portò alla luce un complesso di monumenti al centro della città.

Molti scavi sono stati fatti dagli archeologi albanesi negli ultimi 40 anni e molti oggetti ritrovati sono esposti nel museo che in passato era il monastero di Santa Maria.

Il monumento di Agonothetes

Questo monumento decorava il centro della città e la struttura aveva la forma di un semicerchio e serviva come luogo di riunione per il consiglio cittadino: il Bule.

La parte anteriore della struttura è stata decorata in modo speciale: ci sono 6 pilastri coronati in stile corinzio. 

Un’iscrizione risalente alla metà del II secolo d.c dice che l’edificio fu costruito da ufficiali di alto rango della città.

La biblioteca e l’Odeon

La biblioteca sorge dietro il colonnato del monumento e di fronte, invece, sorge un Odeon o ‘piccolo teatro’ che poteva contenere 200 spettatori. 

L’edificio aveva un palco e un’orchestra, dove si facevano spettacoli musicali e tenevano discussioni oratorie e filosofiche.

La casa con mosaici

A pochi metri di distanza è stata scavata una ricca dimora apolloniana del III secolo d.c: i mosaici sono di tutti i tipi. 

Ci sono mosaici dove i principali motivi decorativi sono semplicemente figure geometriche ed altri con figure mitologiche ornamentali come cavallucci marini.

Uno dei mosaici rappresenta una scena in cui Archiles tiene tra le braccia la ferita Pentesilea, la bellissima regina degli amazzoni.

La Fontana

Rappresenta di per sé una struttura complessa ed aveva un muro che raccoglieva tutte le acque che provenivano dalla terra e da altri quattro acquedotti.

 

Come arrivare al Museo di Apollonia?

Per raggiungere il Museo di Apollonia è molto facile, in quanto dista circa 12  km dal centro di Fier, seguendo la strada verso il mare.

Il tragitto per arrivarci è molto comodo e veloce, sia con un noleggio auto oppure con taxi, presenti nel centro della città di Fier.

Impossibile non fermarsi per visitare questa attrazione, durante un vacanza nel a.

E per chi desidera un pò di relax, a pochi km si trova la spiaggia di sabbia scura e morbida di Seman con tanti bar e ristoranti, che affacciano sul mar Adriatico.